segno-grafico-totale

Piano ricerca perdite acqua

Abbiamo avviato un progetto pilota per la ricerca di perdite a tutela della risorsa acqua e dello sviluppo sostenibile del nostro territorio.

Per questo progetto abbiamo utilizzato una tecnologia che è a dir poco innovativa: i “buchi” nelle tubazioni, infatti, sono trovati da un satellite che viaggia a 637 chilometri dalla Terra!

Le fasi di geolocalizzazione e individuazione delle perdite

Il satellite viene utilizzato in due fasi.

La prima è quella di geolocalizzare le zone d’interesse, individuando la presenza di acqua potabile nel sottosuolo attraverso l’analisi della costante dielettrica e della conducibilità elettrica, così da poterla distinguere da acque naturali di cui il nostro territorio risulta essere molto ricco.

La seconda consiste nell’individuazione vera e propria delle perdite sul territorio comunale.

Il nostro progetto pilota ha interessato la ricerca su 526 chilometri di rete sparsi su 15 comuni, con 133 prelocalizzazioni, cioè aree di indagine.

Si tratta di un lavoro complesso, ma dagli indubbi vantaggi. Bisogna tener presente, infatti, che le perdite di rete degli acquedotti sono più del 40% mediamente in Italia, poco meno del 30% in Lombardia (ma alcune stime autorevoli sono addirittura più pessimistiche). È vero che si considera perdita di rete tutta l’acqua che non viene fatturata dai gestori e, a volte, la causa non è la vera e propria dispersione dalle tubazioni. Quest’ultima, tuttavia, resta un problema enorme, a causa di reti che sono ormai in funzione da decenni e soggette, come tutti i manufatti, all’usura.

Anche se l’obiettivo è la ricerca di perdite sulla rete pubblica, può succedere – ed è già successo – di individuare perdite delle reti private, magari in un giardino. In questo caso si dà immediata comunicazione all’utente interessato di modo che possa provvedere alla riparazione.

Altrettanto immediato è l’intervento della nostra società quando le perdite emergono dalla rete pubblica, così che in breve tempo può essere ripristinata la normalità.

Il nostro prossimo obiettivo

Questo progetto dimostra da un lato che la nostra azienda è sempre più proiettata all’uso delle tecnologie più avanzate per poter svolgere al meglio il proprio lavoro e dall’altro che le dimensioni provinciali della nostra società permettono investimenti che a lungo termine si traducono in un risparmio di risorse pubbliche. Il nostro obiettivo, al termine del progetto pilota, è quello di poterlo gradualmente estendere anche agli altri territori gestiti, a tutela della risorsa acqua e per uno sviluppo sostenibile del nostro territorio.

Ci presentiamo: siamo una società pubblica e il nostro unico interesse è fornire acqua di qualità, in quantità, con continuità a tutti.

Privacy Policy Cookie Policy

800.103.500

Servizio clienti

Lunedì – venerdì: 08.30 / 19.00
Sabato: 08.30 / 13.00

800.434.431

Pronto intervento

Servizio attivo
7 giorni su 7, 24 ore su 24
800.103.500

Servizio clienti

Lunedì – Venerdì: 08.30 / 19.00
Sabato: 08.30 / 13.00
800.434.431

Pronto intervento

Servizio attivo
7 giorni su 7, 24 ore su 24

Se stai usando Internet Explorer per navigare questo sito, ti consigliamo di utilizzare un altro browser, come Chrome o Firefox, per poter usufruire al meglio delle funzionalità integrate.